Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’editoriale di Costanzo: “Polemiche, rimbrotti, ma alla fine si farà!”

L’editoriale di Maurizio Costanzo

Polemiche, prese di posizione, rimbrotti, ricchi premi e cotillon. Ribadisco che, comunque, il fatto che si faccia lo stadio è una vittoria per la Roma. Si è anche fatto vivo Pallotta e anche questo, in qualche modo, è un intervento previsto. Parliamo di Covid. Pensavo l’altro giorno: perché il Covid fa più impressione se aggredisce un atleta? Guardate quello che sta accadendo a Tokyo, ma è anche forte l’attenzione sui calciatori non vaccinati. A proposito di vaccino, già si vede il risultato del vaccino psicologico che Mourinho sta facendo via via ai giocatori. Sono convinto che se non avesse fatto l’allenatore di calcio, poteva essere un ottimo psicologo e uno psicanalista di pronto intervento. Devo essere sincero, a questo punto ho voglia di conoscere Mourinho e mi chiedo: ma quando lo “Special One” sarà presentato alla tifoseria e in che modo? Sono pronto a scommetterci, la tifoseria sarà, almeno per un congruo periodo di tempo, se non per sempre, la grande alleata di Mourinho. Leggevo quanto scritto da Giancarlo Dotto proprio su questo giornale, parlando di Federica Pellegrini, la grande atleta del nuoto. Ha scritto: “Con Federica per la leggenda”. Ha ragione, ho intervistato una sola volta Federica Pellegrini e ricordo la sua intelligenza nelle risposte, il suo essere atleta, ma anche profondamente donna. Lo scrive Maurizio Costanzo su Il Corriere dello Sport.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa