Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma va a casa dello Special One

Mourinho

È cominciata la seconda fase del ritiro della Roma, quella che ha portato la squadra nella terra di Mourinho e Tiago Pinto

Ieri mattina il gruppo composto da circa settanta persone ha preso un volo charter per dirigersi in Portogallo per l’ultima parte della preparazione estiva. Sul volo anche Calafiori che sta recuperando dal problema alla caviglia, e Veretout che pochi giorni fa ha accusato un fastidio al quadricipite della gamba destra.

Il francese continuerà a lavorare in Portogallo con lo staff dei fisioterapisti per tornare probabilmente a disposizione tra circa una settimana: salterà la prima amichevole e forse anche la seconda, l’obiettivo è farlo tornare in campo per gli ultimi test.

Aspettando Cristante e Florenzi che sbarcheranno in Portogallo prossima settimana, l’unico assente del ritiro è Matias Vina. Il terzino ieri mattina ha svolto la prima parte delle visite mediche d’idoneità sportiva, adesso il ragazzo dovrà completare i dieci giorni di isolamento fiduciario ma potrà allenarsi a Trigoria.

Mourinho ha chiesto di sfruttare anche la sala riunione dell’hotel lussuoso per parlare alla squadra sia degli allenamenti che delle attività in programma in questi dieci giorni. Perché lo Special One ha pianificato questo ritiro fuori da Trigoria sia per proseguire la preparazione a temperature più gradevoli, ma anche per compattare ulteriormente il gruppo con attività di team building.

Un mix tra dovere e piacere, tutto lontano da occhi indiscreti. Insomma, niente è lasciato al caso nella preparazione del viaggio. Così come per le amichevoli. La prima in programma domani sera allo Stadio Algarve di Faro contro il Porto, poi il 31 luglio contro il Siviglia, il 4 agosto con una squadra da definire e il 7 agosto con il Betis.

Lo scrive oggi Il Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa