Resta in contatto

News

Porto, Luis Diaz: “Emozionati e motivati per domani”. Marchesin: “La squadra deve abituarsi a vincere sempre”

Le dichiarazioni dei due protagonisti dei Dragoes

Luis Diaz e Augustin Marchesin, attaccante e portiere del Porto, hanno parlato ai microfoni ufficiali del club portoghese alla vigilia del match amichevole di domani contro la Roma. Ecco le parole di Marchesin:

“Tornare qui è sempre per me fonte di grande motivazione, dico sempre che è un’ottima opportunità che voglio sfruttare. Mi sono messo in forma con la squadra per farlo fin dall’inizio, voglio davvero avere un ottimo anno e quindi lavorerò per farlo accadere. La squadra ha giocato ottime partite, ha ottenuto sei vittorie, è per seguire questo percorso di lavoro, è bene che la squadra si abitui all’obbligo del Porto di vincere sempre, abbiamo un gruppo di lavoro e uno staff tecnico esigente, a cui piace vincere e per noi giocatori è fantastico. Mi sto preparando per la cosa più importante, la prima giornata di campionato, che è quello che conta, e lavoreremo per arrivarci nella migliore forma possibile”.

Ecco le parole di Luis Diaz:

“Sono molto felice di tornare, di essere di nuovo qui con la mia squadra, di poter stare con i miei colleghi, quindi sarò preparato per quello che verrà, lavorerò sodo e darò sempre il massimo. Sono contento per quello che ho raggiunto a livello personale e collettivo, ma ora sono qui con la mia squadra, totalmente concentrato su di loro, cercherò di essere calmo e lavorare per quello che arriva. Sì, assolutamente, la mia esperienza qui al club mi ha aiutato molto per quello che ho fatto in Copa America. A livello individuale ho fatto molte cose che ho imparato qui al Porto, quindi sono molto felice e grato per questo. Siamo tutti emozionati e motivati ​​per giocare una grande partita domani, per continuare una grande preparazione e un ottimo precampionato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News