Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Mourinho e l’incubo Fortnite: “I calciatori passano tutta la notte a giocare” (VIDEO)

Lo Special One ironizza sul famoso videogioco e sulle abitudini dei calciatori


José Mourinho confessa scherzosamente tutto il suo astio nei confronti del videogioco Fortnite, che invece piace tanto ai calciatori. “Un incubo, i calciatori stanno svegli tutta la notte a giocare a questa stro…ata e il giorno dopo c’è la partita”.

Queste le sue parole nel video pubblicato dalla Roma fatto di domande e risposte al tecnico portoghese. Ecco tutte le domande rivolte a Mourinho:

La città di Roma. Storia, potere, passione.

Stadio Olimpico. Fantastico

Vivere in Italia. Non so se posso chiamarla vita, perché è così difficile…

Instagram. È divertente.

I tifosi della Roma. I miei tifosi.

Fortnite. Un incubo. I calciatori stanno svegli tutta la notte a giocare a questa str***ata. E il giorno dopo magari c’è la partita.

Setubal. Casa, l’unica parola che posso usare per descriverla. Sono un cittadino del mondo, ma Setubal è casa.

Tre piatti italiani preferiti. Potrei dirne anche trenta. Anche quando vivevo a Londra, i miei ristoranti preferiti erano quelli italiani. Potrei dire piccata al limone, ravioli al pomodoro, ma potrei dirne ancora tanti. Amo il cibo italiano e devo stare attento alla forma.

Musica preferita. Sono nato nel 1963, ero giovane negli anni ’80 e ’90, tutto ciò che è di Bryan Adams, Bruce Springsteen e di tutta quella generazione è la mia musica.

Dialetto romano. Daje Roma, però devo impararne di più. Nel mio staff c’è la persona giusta per insegnarmi tutto ogni giorno.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News