Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ranieri: “Serie A? Prevedo incertezza. Shomurodov mi piace, Abraham ha grossissime qualità”

Ranieri Watford

Le parole del tecnico romano

In attesa di una panchina per tornare protagonista, Claudio Ranieri parla a “Il Messaggero”, facendo il punto sul campionato che sta per partire.

Per ora da spettatore, è d’accordo che sarà una serie A equilibrata?
“Si prepara una stagione molto interessante. Allegri, Spalletti, Sarri e Mourinho, con il loro pedigree, daranno per forza qualcosa in più alle loro squadre. Sicuramente il campionato perde qualcosa perché sono partiti alcuni dei migliori giocatori, ma certi allenatori sanno sopperire alle mancanze. Prevedo incertezza, con le sette sorelle che dovranno entrare nell’imbuto delle prime 4, e sarà spettacolo”.

Chi è il più bravo dei sette?
“Ah non cominciamo, non ci casco. Sono tutti bravi. Anzi il più bravo è quello che vince”.

E delle romane che ci dice?
“Che tutte e due lotteranno per entrare in Champions e penso sarà una bella stagione. Un allenatore non deve solo saper comandare ma anche aiutare e gestire i propri giocatori, entrare nella loro testa e convincerli a venirti dietro. Poi deve avere sintonia ed empatia con l’ambiente. Mourinho e Sarri tutto questo lavoro lo sanno fare benissimo. E il loro duello a Roma sarà un altro motivo di spettacolo della stagione”.

Lei che ha allenato a Roma e in decine di altri luoghi, pensa che la Capitale sia un posto assurdamente difficile, peggiore di tanti altri, o è un po’ una leggenda?
“Mah, sarà che è casa mia ma non mi è mai sembrato di lavorare in un posto così assurdo. Ogni ambiente ha i suoi umori e le sue difficoltà. Devi saperti connettere. In ogni squadra affronti mille problematiche al giorno e devi essere bravo a cavartela, rimanendo collegato con lo spirito del posto, i tifosi, la società, i giocatori, tutti”.

A Genova ha incrociato da avversario Shomurodov, che ne pensa? 
“Mi piace molto. Segna, lavora per i compagni, attacca lo spazio e ha un controllo di palla in velocità notevole. Molto bravo. Anche Abraham ha grossissime qualiàtà, mi auguro si ambienti subito”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa