Resta in contatto

Rassegna Stampa

Esordio azzurro da capitano per Missori

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Filippo Missori (@_filippomissori_)

Alla scoperta del giovane talento giallorosso

Duttile, tatticamente intelligente e di grande gamba, il prototipo del giocatore di fascia che ogni allenatore sogna di avere in rosa. E lo sa bene Alberto De Rossi che, dopo averlo ereditato dalla sapiente gestione di Fabrizio Piccareta, ha iniziato a sfruttarlo al meglio anche in Primavera.

Stiamo parlando del classe 2004, Filippo Missori, terzino destro sulla carta d’identità ma, all’occorrenza, ha dimostrato di potere fare e bene l’esterno di centrocampo. In giallorosso dal 2013, Missori ha vinto due scudetti: il primo con l’Under 15, il secondo con l’Under 17. Con evidenti margini di miglioramento dal punto di vista fisico, il ragazzo romano mostra doti inusuali per i giocatori di fascia, come visione di gioco e costante ricerca della verticalizzazione. Doti che non sono passate inosservate a Trigoria: la Roma infatti ha deciso di blindarlo, facendogli firmare a luglio il suo primo contratto da professionista.

“Dopo aver passato tanti anni in questa magnifica società posso annunciare di aver firmato il mio primo contratto da professionista. Ringrazio la Roma per la fiducia che verrà sicuramente ripagata, la mia famiglia che mi è stata sempre vicino“, le parole con le quali su Instagram Missori ringraziava il club per l’opportunità.

E ora viene il bello. La vetrina della Primavera, in un campionato sempre più competitivo dopo la recente riforma, e il sogno di potere compiere lo stesso percorso di Darboe, Bove, Tripi e Zalewski, aggregati ai grandi prima con Fonseca e poi con Mourinho. Perché a Trigoria se vali, nulla ti è precluso e Missori lo sa bene. Il 12 agosto è arrivato anche l’esordio, con tanto di fascia da capitano, con l’U18 azzurra, agli ordini di Franceschini: un’ora di gioco da terzino destro per quello che è solo l’inizio di un altro importante percorso. Ma prima viene la Roma: il 29 a Torino si parte. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa