Resta in contatto

Rassegna Stampa

Castori contro Mou, lo scalatore sfida lo Special One: “Vietato sbagliare”

Il tecnico della Salernitana sfida lo Special One

Nell’estate del 2004, ad esempio, Fabrizio Castori e José Mourinho quasi di sicuro erano entrambi ragionevolmente sereni. Mentre il tecnico portoghese, alla guida del Porto, vinceva la prima Champions League della sua carriera, dando di fatto l’inizio della sua leggenda che lo avrebbe fatto traslocare immediatamente al Chelsea per diventare lo Special One, l’allenatore italiano conquistava la prima promozione in Serie B, aggiungendovi in sovrappiù la Coppa Italia di Serie C.

A diciassette anni di distanza, l’impressione è che la soddisfazione che Castori e Mourinho hanno accumulato in questo lasso di tempo non crei una forbice così ampia così come si potrebbe pensare. Certo, il portoghese è giunto ad accumulare un totale di 25 trofei (sui soldi non spenderemo più una parola), mentre l’italiano vanta un curriculum ricco “solo” di dieci promozioni alle categorie successive, ma l’ascoltare il modo con cui ciascuno parla dell’altro fa capire come i “fratelli di panchina”, a volte, possano trovare tra loro punti di contatto maggiori di quelli che noi possiamo immaginare.

Per questo la sfida che andrà in scena stasera fra Salernitana e Roma, in fondo, è la riedizione dell’antico duello tra Davide e Golia, che non a caso lo stesso Castori ha evocato alla vigilia, pur non dimenticando di sottolineare come, per lui, giocare contro Mourinho significa “sostenere una tesi di laurea“.

Non è un caso, quindi, che anche l’allenatore della Salernitana si sia meritato un neologismo, quello di “castorizzare” le proprie squadre, cioè di avere la capacità di tramettere una grinta e una carica in grado di fare la differenza. Insomma, a suo modo anche lui uno Special One, così battagliero da essersi meritato anche tre anni di squalifica (poi ridotta e infine cancellata) per una rissa in campo in una finale di playoff contro il Lumezzane.

La sensazione, perciò, è che a Mourinho – figlio di calciatore e quindi di altra estrazione sociale – un tipo del genere piaccia parecchio, anche se stasera non vuole fare sconti, visto che la Roma cerca il poker delle quattro vittorie in altrettante partite ufficiali.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa