Resta in contatto

Rassegna Stampa

Occhio a Scamacca e Raspadori, Mancini e Calafiori fanno muro

Mancini

Tanti gli Azzurri in campo domani sera nella sfida dell’Olimpico

Gianluca Mancini, Riccardo Calafiori, Giacomo Raspadori, Gianluca Scamacca sono la faccia bella dell’azzurro che c’è e che ci sarà. Quello a cui il c.t. Mancini potrebbe affidare il Mondiale del prossimo anno. Il destino, però, vuole che domani il poker abbia ambizioni sparigliate. Se i due attaccanti del Sassuolo rappresentano l’ultima suggestione della Nazionale, i difensori della Roma assumono il ruolo di nuovi profeti del verbo di Mourinho.

Domani c’è questo quartetto: Raspadori, 21 anni, col primo gol in azzurro alla sua prima partita da titolare, tre giorni fa ha rubato la vetrina nella partita contro la Lituania. A fargli concorrenza al centro dell’attacco, poi, è proprio Scamacca, 22 anni, che nello stesso match ha esordito in Nazionale. Se si pensa che quest’ultimo, cresciuto proprio nella Roma prima di scegliere la rischiosa avventura al Psv quando aveva solo 16 anni, la sensazione è che la squadra di Mourinho sia dinanzi a un nuovo e non banale “crash-test”. Il motivo, d’altronde, è facilmente comprensibile. Contro la squadra che nella scorsa stagione ha chiuso a pari punti con i giallorossi, i legionari di Mou sembrano avere una difesa non al massimo. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa