Resta in contatto

Rassegna Stampa

Nuova Roma, stessa musica

Altro successo per i giallorossi

Sesta vittoria su sei partite, la Roma non ha intenzione di fermarsi. Convincente e squillante anche l’esordio in Conference, contro il Cska Sofia: 5-1. Con un brivido in avvio, ma poi torna a percorrere la discesa, spinta dal suo capitano Pellegrini, che ora come ora trasforma in oro anche una zolla.

La gente canta, è felice, la squadra di Mourinho è magnetica, rassicurante. Questa magia si propaga in un ambiente che ha vissuto gli ultimi anni calcisticamente deprimenti e che ora può rialzare la testa con un certo orgoglio.

E si gode anche una serata minore, sempre col cuore appassionato. Mou, visti gli impegni, sceglie il turnover. Sette sono i cambi, in campo dall’inizio quattro titolarissimi trainanti, Rui Patricio, Karsdorp, Mancini e Pellegrini. Normale che almeno in avvio, i meccanismi non sono perfetti e nel non immenso vuoto, infatti, ecco che si infila tal Mazikou: la difesa si spacca e arriva pure il vantaggio firmato da Carey, che approfitta di una gaffe di Mancini.

Ma i drammi sono altri, specie se in panchina c’è uno come Mourinho e in campo hai gente come Pellegrini. La fascia da capitano brilla di un colore fosforescente, come quel pallonetto che si alza in cielo e finisce in rete. Lo stadio pieno di trentamila si abbraccia e la Roma riparte subito, con questi ragazzi un po’ sbarbati ma assolutamente degni.

Mou è stato chiaro, vuole vincere la coppa ma la serie A è la serie A, e non caso viene messa parzialmente a riposo: nella ripresa minuti anche per Abraham, che segna il suo gol all’Olimpico, con un colpetto sotto a urlo. I pali, Tammy, li lascia a Smalling e Shomurodov. C’è tempo per il quarto gol di Mancini, che corre ad abbracciare Mourinho. La Roma è questa. Empatica, e per ora, anche vincente. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa