Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pellegrini, Mourinho e quella faccia un po’ da DiBa

Pellegrini

La leggenda dei capitani romani e romanisti è un tesoro per la città di Roma

Lorenzo Pellegrini è calciatore particolare rispetto ad un cliché piuttosto standard e in voga: Pellegrini va letto nell’anima oltre che nel suo talento, se cogli la sua sensibilità, il suo antidivismo naturale e non spocchioso, lo ami da subito. José Mourinho è l’uomo che tutto questo lo ha colto e ha cercato – trovandolo – il modo di farlo emergere.

Capitano immenso in campo, guascone, ammiccante, il figlio ideale per ogni mamma: Francesco Totti. Poi il Capitano guerriero, timido, riservato, a tratti cupo ma che non ti tradisce mai: da amare all’impazzata dopo aver anche provato a ferirlo. Daniele De Rossi. È cresciuto con la Roma dentro, Lorenzo. Poche parole, valori solidi, una leadership poco conclamata ma reale. Lollo ce l’ha un Capitano in cui specchiarsi. È Agostino, è Diba: il viso, il sorriso, l’anima. Quel senso di pulizia interiore e di talento vero.

Lo scrive Fabio Massimo Splendore sulle colonne de “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "E come fa a cresce se anziché andare a farsi le ossa in serie C come Lucarelli, sta a fa la foca nel circo della FIGC? Daniele è la speranza de un..."

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Ultimo commento: "grande"
Advertisement

Altro da Rassegna Stampa