Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou va oltre il derby. Roma, avanti a tutta forza

Battuto lo Zorya nella seconda gara di Conference League

Quello che serviva per ripartire. Il 3-0 allo Zorya regala alla Roma la possibilità di tornare alla vittoria dopo il derby perso. Per carità, la modestia degli ucraini è stata evidente sin dal primo gol in apertura di El Shaarawy ma a livello europeo vincere regala sempre un sorriso. Soprattutto se va a combaciare con la partita numero 200 di Mourinho in carriera. Tra l’altro, dopo il vantaggio, la Roma per un’oretta ha giochicchiato, sbagliando gol facili (Shomurodov a tu per tu con Matsapura calcia sul portiere).

Proprio per questo motivo lo Special One non ha voluto rischiare e quando dopo 17 minuti della ripresa ha inserito Zaniolo e Abraham, per lo Zorya è calato il sipario. In quel momento, infatti, è cambiato l’equilibrio, con i giallorossi abili a segnare due gol nel giro di 5 minuti. Merita una menzione Darboe, bravo a farsi trovare pronto ma soprattutto a giocare semplice e in modo efficace. E’ del gambiano l’assist dell’1-0, promosso nel post-gara da Mourinho: “Ha giocato molto bene, ha dato equilibrio e ha fatto buone scelte. Bene nel passo e nel possesso, ha letto bene i movimenti difensivi e mi è piaciuto. Ho voluto dare un’opportunità anche a Diawara e per questo l’ho cambiato, ma davvero buone sensazioni, sono soddisfatto“. Parole che regalano la sensazione che in un sol colpo il giovane abbia sopravanzato nelle gerarchie Diawara e Villar, entrambi rimasti inizialmente in panchina. Lo scrive “Tuttosport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa