Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pellegrini e Abraham dopo la Roma si prendono anche la nazionale

Pellegrini

Alla fine è arrivata la convocazione anche per il numero 9 giallorosso, mentre Pellegrini vuole essere protagonista in Azzurro

Hanno scommesso su se stessi e il coraggio sta pagando i dividenti. Lorenzo Pellegrini si è praticamente legato a vita alla Roma, con un contratto fino al 30 giugno 2026 dal quale è stata tolta anche la clausola di rescissione. Tammy Abraham ha ascoltato José Mourinho e in estate ha accettato le offerte della Roma abbandonando il Chelsea (dove con Tuchel giocava pochissimo) e la Premier League. Il risultato è che Pellegrini è, per rendimento, il miglior centrocampista offensivo d’Europa e che Abraham è stato richiamato dal commissario tecnico inglese Gareth Southgate.

Congratulazioni Tammy“. Con questo tweet la Roma ha ufficializzato il ritorno del centravanti nella nazionale dove mancava dal novembre del 2020 (contro l’Islanda, sesto “cap” con un gol segnato contro il Montenegro). Southgate lo ha convocato per le sfide di qualificazione ai Mondiali 2022 contro Andorra (9 ottobre) e Ungheria (12 ottobre). La convocazione di Abraham è anche un bel biglietto da visita che la Roma potrà mostrare nelle prossime sessioni di calciomercato: questa è una piazza ambiziosa per calciatori ambiziosi che qui possono essere valorizzati.

Pellegrini, in questo momento, è uno dei giocatori più in forma di tutto il campionato e sarebbe una grande sorpresa se Roberto Mancini, dopo averlo convocato, non trovasse per lui un ruolo da primattore nelle partite di Nations League. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa