Resta in contatto

Rassegna Stampa

Lo scontro sull’Olimpico

Stadi

La gara della Nazionale potrebbe essere spostata a Bergamo a causa delle condizioni dell’Olimpico

L’Olimpico è in allarme. Lo stadio di Roma corre il pericolo di non ospitare la partita di qualificazione mondiale tra l’Italia e la Svizzera, prevista per venerdì 12 novembre. Il nodo è legato al campo, anzi, alla condizione del prato, tra l’altro uno dei pochissimi in Italia ancora del tutto in erba naturale.

Oggi i tecnici della Federcalcio e di Sport e Salute, il gestore dell’impianto, svolgeranno un sopralluogo. Si valuterà e si proporranno soluzioni. La sede della sfida potrebbe essere trasferita a Bergamo – la favorita – o Torino, mentre Milano e Palermo sarebbe al momento meno convincenti.

Le condizioni del campo non sono ottimali, secondo la Figc (e anche per José Mourinho e Maurizio Sarri). Ma le riserve della federazione sono relative non tanto alla qualità odierna del campo quanto ai pesi che il terreno dovrà sostenere nei giorni precedenti la gara degli azzurri. Il calendario, del resto, prevede: giovedì 4 la partita di Conference League tra la Roma e il Bodo Glimt, sabato 6 Italia-Nuova Zelanda di rugby e domenica 7 la gara di campionato fra Lazio e Salernitana. Sarebbe quattro partite in otto giorni, senza dimenticare gli allenamenti del Bodo Glimt e dei giocatori di rugby allo stadio. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa