Resta in contatto

Rassegna Stampa

Reja spinge Kumbulla verso Mou: “Una maturità impressionante”

Il difensore albanese a caccia di un posto con Mourinho

In Nazionale Kumbulla è una pedina inamovibile, in giallorosso è il quarto centrale dietro Mancini, Smalling e Ibanez. C’è chi si riconcilia con la patria grazie al percorso virtuoso con il proprio club e chi, come Marash, ritorna al lavoro quotidiano sotto un’altra luce grazie alla vetrina della Nazionale. Con Smalling infortunato, l’albanese spera di entrare in modo più stabile nelle gerarchie di Mourinho. L’obiettivo è giocarsi le proprie carte anche quando il reparto sarà completo.

Di sicuro avrà l’opportunità di essere titolare in Conference League, a partire dalla trasferta di giovedì contro il Bodo Glimt in Norvegia, ma non può bastargli. E di sicuro non basterà alla Roma, che sul ragazzo ha investito circa 16 milioni (al netto delle contropartite) per assicurarsi uno dei talenti più in vista della Serie A. Edy Reja, c.t. del’Albania, ha reso Kumbulla uno dei leader della selezione nonostante i 21 anni. “Ha marcato il centravanti più forte del mondo con una maturità impressionante. Non ha sofferto Lewandowski e anche quando affronta centravanti fisici e strutturati non teme il confronto. Con me gioca nella difesa a tre, lo faceva anche con Fonseca ma in Nazionale agisce spesso il centrale del reparto. Sta maturando, cresce a vista d’occhio“.

“Da quel che vedo io, penso possa adattarsi facilmente anche alla difesa a 4 perché lì dietro sa fare tutto. Ha avuto problemi con il Covid, poi un infortunio, ma con noi ha giocato due partite una meglio dell’altra“. Non è finita e Kumbulla non vede l’ora di tornare in campo per lanciare l’ultimo assalto a Qatar 2022. Per un mese, però, testa e anima sulla Roma e le prossime 7 gare, che possono farlo sperare in un minutaggio più consistente. Di certo non chiederà allo Special One più spazio, ma cercherà di conquistarselo sul campo, allenamento dopo allenamento. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa