Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Bodo più forte della Roma che ha iniziato. Rosa con enormi limiti”

Mourinho Roma Napoli

Il tecnico giallorosso Josè Mourinho, nel post partita, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare la gara

Josè Mourinho è intervenuto, nel post gara, ai microfoni di Sky Sport. Il tecnico giallorosso ha analizzato la disfatta della Roma contro il Bodo/Glimt ed ha rilasciato queste dichiarazioni:

Josè Mourinho a Sky Sport

Se la società le chiedesse spiegazioni?

“Spiegazione normale… Con delle cose che ho già detto in privato, anche prima di questi 6 gol. Non sono i 6 gol che mi faranno dire altro. Le cose le ho già dette in privato, mai fuori”.

Domenica non si può sbagliare?

“Non si può sbagliare mai, si può sbagliare sempre. Questa è una sconfitta storica. Il problema è che questa sconfitta è pesantissima per la Roma, no per me”.

Questa sconfitta lascerà qualche ferita?

“Una sconfitta lascia sempre ferite. Ma ho già parlato con loro, sono stato onesto, non posso esserlo con voi ma con loro sì. Parlo all’interno della famiglia, che è bella e forte per empatia e amicizia. Non ho mai nascosto però… Abbiamo tanti limiti. Noi abbiamo 13 14 giocatori, gli altri sono un’altra cosa. Ma ora nessuno di voi mi chiederà perchè giocano sempre gli stessi”.

Problema di approccio o di differenza tecnica?

“Se si potesse giocare sempre con gli stessi, lo farei. Io sapevo che qualcuno era limitato, niente di nuovo. Ma mi aspettavo un’altra risposta”.

Di chi è la responsabilità della sconfitta?

“La colpa è solo mia, io ho deciso di giocare così, l’ho fatto con le migliori intenzioni ma la colpa è mia. Abbiamo perso contro una squadra che ha più qualità di noi. Sono più bravi”.

25 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra