Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho si rimette in riga: “I Friedkin vanno rispettati”

Roma assemblea azionisti

Le parole dello Special One

Due giorni dopo la grande sfuriata di Bodo, Mourinho si mostra invece conciliantecon Pinto, ossequioso nei confronti dei Friedkin e meno severo nei confronti del gruppo: “In panchina non ci sono giocatori scarsi, ma ragazzini di 17-18-19 anni. Meritano di giocare perchè lavorano tanto“. Allora il nemico di turno diventa chi “oggi ride di quello che ha fatto nella Roma. Ride con le tasche piene di soldi, però, con commissioni milionarie, anche doppie. E quando gli dici di riprendere il loro giocatore, non riesce a chiamarli perchè hanno cambiato telefono. E chi paga? I Friedkin. Loro e Tiago Pinto si sono ritrovati nelle mani tanti errori che altri hanno fatto. Abbiamo speso per cercare di pulire e creare le condizioni per il successo di un progetto che però ha bisogno di tempo“.

José nega attriti con la società: “Quando qualcuno dice che Mourinho non è contento scrive una bugia. Mourinho vuole soltanto più calciatori dello stesso livello. Ho però accettato questo lavoro sapendo la situazione“. In panchina ci saranno due volti nuovi: Filippo Missori, terzino destro della Primavera, e Felix, punta di diamante. Entrambi hanno dormito a Trigoria come il resto della rosa. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa