Resta in contatto

Prima Squadra

Mancini: “Non è più calcio. Direzione arbitrale assurda. Su Pellegrini rigore nettissimo”

Mancini Roma Milan

Il difensore giallorosso Gianluca Mancini è intervenuto ai microfoni di Dazn nel post partita: “Su Pellegrini rigore netto”

Ecco le dichiarazioni di Gianluca Mancini, difensore giallorosso, ai microfoni di Dazn nel post partita:

Quali sono i motivi di questa rabbia?
“Gli episodi li abbiamo visti tutti, il rigore di Ibanez non c’è assolutamente, Maresca viene richiamato ma non cambia idea. Noi difensori non possiamo più intervenire, non posso parlare. C’è un rigore grosso come una casa su Pellegrini con Kjaer che gli prende il polpaccio. Nel primo tempo il Milan ha giocato bene, poi nella ripresa ci siamo messi a 3 e in queste partite gli episodi fanno la differenza e oggi gli episodi sono stati a sfavore nostro, il rigore su Pellegrini è nettissimo”.

Cosa si può fare di più con gli arbitri? Servono maggiori confronti?
“Vengano a parlarci e a fare le riunioni, ci dicono di stare attenti con i falli di mano e infatti saltiamo come pinguini. Sui contatti dicono che vogliono dare sempre meno rigori, Ibanez non tocca Ibrahimovic che non calcia nemmeno, lo sto vedendo adesso è un contrasto normalissimo, se ogni volta in area di rigore ci sono questi contatti e si fischia rigore, non è più calcio. Se il VAR ti richiama, perché puoi sbagliare, puoi corretterci. Al VAR ci sono 5 arbitri, non so quanti, se ti richiamano vuol dire che hai sbagliato qualcosa”.

Che ne pensi del metro dell’arbitraggio?
“Si è fischiato troppo, ci sono state 12 ammonizioni e poi ci paragoniamo ai campionati esteri, in Premier League si mettono a ridere se ti danno questi rigori. Sono arrabbiato e non voglio mancare di rispetto a nessuno, tutti possono sbagliare però così è una presa in giro soprattutto vedendo il rigore di Pellegrini”.

Come ne uscite da questa serata?
“Nei primi 10’ abbiamo creato qualcosa, poi siamo andati in difficoltà. Nella ripresa ci siamo messi a 3 per metterli in difficoltà, poi dopo la loro espulsione abbiamo provato ad attaccarli e la Roma ne esce bene con la consapevolezza giusta, ma con tantissima rabbia”.

C’è una crescita negli scontri diretti?
“Rispetto all’anno passato c’è una consapevolezza migliore, abbiamo dimostrato di esserci stasera, contro il Napoli, a Torino abbiamo fatto un’ottima partita e anche lì siamo stati sfortunati con gli episodi. Nel derby abbiamo regalato 20’ ma poi abbiamo reagito e penso si veda”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra