Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spagna, Fiorentina o restare a Roma: Borja Mayoral è a un bivio. Cosa farà?

Mou gli ha sempre preferito Abraham, Shomurodov e persino Felix. Ma il capocannoniere giallorosso della scorsa stagione vuole giocare di più

Ieri sera, con la fidanzata Flavia, conosciuta a Roma, Borja Mayoral si è regalato una visita privata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina. Il giocatore spagnolo è rimasto estasiato da tanta bellezza, immancabile la foto con San Pietro sullo sfondo, ma forse neanche uno dei luoghi più incredibili al mondo basterà a trattenerlo a Roma a gennaio. Borja, capocannoniere della squadra lo scorso anno con 17 reti, è a un bivio: ritornare, di fatto, al Real, in modo da interrompere il prestito con sei mesi d’anticipo, e accasarsi subito altrove, con la Fiorentina in pole, oppure restare a Roma e provare a giocarsi le sue carte.

Ieri sera, con la fidanzata Flavia, conosciuta a Roma, Borja Mayoral si è regalato una visita privata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina. Il giocatore spagnolo è rimasto estasiato da tanta bellezza, immancabile la foto con San Pietro sullo sfondo, ma forse neanche uno dei luoghi più incredibili al mondo basterà a trattenerlo a Roma a gennaio. Borja, capocannoniere della squadra lo scorso anno con 17 reti, è a un bivio: ritornare, di fatto, al Real, in modo da interrompere il prestito con sei mesi d’anticipo, e accasarsi subito altrove, con la Fiorentina in pole, oppure restare a Roma e provare a giocarsi le sue carte. Lo scrive gazzetta.it

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa