Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La scossa di Mou: Zaniolo riparte

Il talento giallorosso al centro del piano partita con il Genoa

La scossa a inizio settimana. Uno di quei rimbrotti che Mourinho riserva praticamente in ogni allenamento ai suoi giocatori. Lunedì è stato il turno di Zaniolo, incitato dal tecnico a spingere di più. C’è bisogno delle sue accelerazioni e dei suoi colpi per dare una svolta al campionato della Roma, che si è inceppata nel precedente ciclo di partite ed è chiamata a reagire domenica sera a Marassi col Genoa.

Mourinho vuole tutti sul pezzo, a cominciare da Zaniolo reduce da acciacchi fisici che l’hanno costretto a partire in panchina a Venezia e a rinunciare un’altra volta alla convocazione della nazionale. La sosta sembra aver risolto i problemi, nessun caso dopo la “scossa” di lunedì, tanto che i due hanno scherzato durante la seduta di ieri. Ora l’allenatore deve trovare una collocazione tattica a Nicolò nel modulo che sembra intenzionato a confermare con tre difensori, due esterni tutta fascia, tre centrocampisti e due punte.

Zaniolo può giocare teoricamente in tre posizioni, come intermedio-trequartista, come attaccante d’appoggio ad Abraham o da esterno. Quest’ultimo ruolo è quello che lo penalizzerebbe di più e stavolta ci sarà bisogno di lui in una zona più centrale di campo. Mourinho è infatti intenzionato a schierare Cristantein difesa, in mezzo a Mancini e Ibañez, col recupero probabile di Pellegrini (ieri si è allenato di nuovo in gruppo) e la sicura conferma di Veretout, resta un posto da riempire nel cuore del campo.

In quel caso Zaniolo potrebbe agire da trequartista, col capitano che si “abbasserebbe” di qualche metro.Pellegrini sente ancora un po’ di fastidio al ginocchio infiammato ma ha dato la sua disponibilità a giocare. L’alternativa è Mkhitaryan trequartista e il nr.22 giallorosso al fianco di Abraham in attacco.

Ma hanno chance di giocare dall’inizio anche Shomurodov e Darboe, che ieri ha firmato il rinnovo di contratto fino al 2026 a circa 500mila euro netti a stagione: annuncio previsto la prossima settimana. Restano fuori Smalling, Calafiori e Viña, toccherà quindi di nuovo a El Shaarawy presidiare la corsia sinistra. A meno che Mourinho non chieda proprio a Zaniolo di giocare “a tutta fascia”. Un’ipotesi che, almeno nell’undici di partenza, sembra difficile. Kumbulla è recuperato ma andrà al massimo in panchina. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa