Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Effetto Shevchenko: in 14mila a Marassi per il nuovo Genoa

Shevchenko

Entusiasmo a Genova per il nuovo allenatore e il cambio di proprietà

Oltre tredicimila biglietti già venduti per il posticipo di domani sera del Genoa al Ferraris contro la Roma e record stagionale rossoblù pressoché scontato. La prima da allenatore su una panchina di club da parte di Andriy Shevchenko ha avuto l’effetto di riaccendere una passione popolare per il Grifone mai sopita, ma negli ultimi tempi fatalmente affievolita.

Già ora, quando c’è ancora oltre un giorno e mezzo per acquistare i tagliandi, Genoa-Roma promette il doppio degli spettatori a Marassi per la gara con la Fiorentina e ancor più di quelli che si presentarono alla prima di 777 Partners in tribuna, il 25 settembre scorso, con 13.478 presenti, ma tutti invitati dalla nuova proprietà.

E pazienza se domani Shevchenko dovrà fare la conta dei disponibili, alla luce di un’infermeria decisamente troppo affollata. La gradinata nord è esaurita (compatibilmente con le disposizioni di legge) da giovedì, al Genoa Store di Piccapietra l’affluenza è su livelli che non si registravano da tempo.

Ieri è stata anche la prima volta del professor Alberto Zangrillo a Pegli: il nuovo presidente del Genoa verrà presentato lunedì mattina a Palazzo Ducale, ma domani sera sarà in tribuna al Ferraris insieme ai vertici della holding americana che ha rilevato la società rossoblù. Ma prima toccherà a Sheva: per lui domani sera a Marassi ci saranno anche le telecamere di Megogo, broadcaster ucraino ufficiale per Infront, alcuni giornalisti del suo Paese, oltre alla tv pubblica ucraina UA:PBC. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa