Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho è tentato dalla difesa a quattro. E si rivede Smalling

Smalling Genoa Roma

Si rivede l’inglese tra i convocati

Fra Genoa e Roma, le assenze congiunte potrebbero costruire una formazione di discreto livello. Ovvio che la panchina giallorossa è notevolmente superiore a quella del Grifone, ma la faccia di José Mourinho, ieri, era quella di chi si sente vittima del destino.

Il piano, fino a venerdì, era quello di schierare Cristante come centrale nella difesa a tre, ma la positività al Covid del centrocampista azzurro ha fatto saltare tutti i piani. In realtà, anche confermare la retroguardia a tre nel 3-4-1-2, con Kumbulla titolare, grazie ai movimenti di Karsdorp sulla fascia destra e all’allargamento di Ibanez a sinistra, aiuterebbe a ricreare una retroguardia a quattro.

Occhio però al ritorno tra i convocati di Smalling, assente da quasi cinquanta giorni. Il suo recupero sarebbe la medicina migliore per superare l’emergenza, che colpisce anche i terzini sinistri (fuori Spinazzola, Viña e Calafiori).

Restando al Genoa, però, c’è da decidere la copertura in mediana. Meglio abbassare capitan Pellegrini – non ancora al meglio dal punto di vista fisico, oppure puntare ancora su Darboe, deludente nelle ultime uscite. Certo, poi lo Special One è capace di tutto, quindi anche di ripescare Diawara, ma sarebbe un vero colpo di teatro.

Tutto sommato, le vere scelte la Roma le ha in attacco, e così la prima tentazione è quella di tornare al 4-2-3-1, puntando sempre su El Shaarawy come esterno di sinistra per assicurare copertura difensiva. La vera chiave, però, sarà la posizione di Zaniolo. nel 4-2-3-1 tornerebbe a correre sulla fascia destra, magari con Mkhitaryan trequartista, se Pellegrini fosse abbassato in mediana.

Invece, se l’allenatore portoghese confermasse il 3-4-1-2, l’azzurro potrebbe giocare in due posizioni: o da trequartista dietro le due punte, Abraham e Shomurodov, oppure da attaccante puro a fianco di Abraham, consentendo, al solito, a uno fra l’armeno e il capitano giallorosso di giocare sulle zolle della trequarti. In ogni caso a Trigoria non cercano alibi: un risultato diverso dalla vittoria contro un Genoa in crisi e pieno di assenze, sarebbe un problema. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa