Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il baby ghanese: “Questa doppietta è per mia mamma”. E Mou gli fa un regalo: “Gli avevo promesso delle scarpe da 800 euro”

Il curioso siparietto al termine della sfida

L’augurio a Shevchenko gliel’aveva fatto sabato: “Spero che perda la prima partita, com’è successo a me, e poi riesca a vincere come ho fatto io“. José Mourinhofolgora il suo nuovo collega due volte: con un augurio e pescando l’asso dalla panchina.

È Felix Afena-Gyan che, a 18 anni, inchioda il Genoa con i sui primi due gol in Serie A. Nessuna sorpresa che il ragazzo ghanese, classe 2003, mentre bacia lo stemma del club, corra dallo Special One abbracciandolo stretto. “Dedico il gol a tutti i miei compagni – dice l’attaccante, che come età, per la prima rete in giallorosso è preceduto solo da Okaka, Totti e Romagnoli – ma soprattutto a mia madre che è ancora in Ghana. Le voglio bene“.

“Gli avevo detto che se segnava gli avrei comprato le scarpe da 800 euro che gli piacciono ed è venuto a ricordarmelo. Domattina lo faccio – ride Mourinho -. Ora però lo tolgo dalla Primavera. Tecnicamente non è un fenomeno, ma mi impressiona la sua freddezza davanti alla porta. Mi piace la sua umiltà, che non sempre nelle giovani generazioni si trova. Presto il Ghana, dove non è andato per crescere con noi, avrà un grande giocatore“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa