Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, nuova vita: meno corsa, più gol. La Roma di Mou lo manda in orbita

La nuova vita da attaccante di Nicolò Zaniolo

Per carità, siamo convinti che – per quanto il suo ego possa essere grande – neppure Nicolò Zaniolo vorrebbe paragonarsi a Bill Gates (almeno per il momento), ma alla luce di come la quotidianità intorno a lui sta cambiando, è possibile che possa sottoscrivere la frase del genio (prima) e magnate (poi) statunitense: “Se oggi vado a letto non avendo fatto niente di nuovo rispetto a ieri, allora è stata una giornata sprecata“.

Ecco, il rischio per l’idolo giallorosso sembra proprio non esserci. La nuova vita, infatti, si sta avvicinando, perché la prestazione che ha tirato fuori dal cilindro contro lo Zorya è di quelle che spinge José Mourinho a riscrivere le gerarchie dell’attacco. E così adesso il Predestinato è in corsia di sorpasso rispetto a Shomurodov come partner di un Abraham in risalita.

Inutile dire che il gol è una sorta di droga per chi lo cerca, così averlo ritrovato giovedì dopo tre mesi di assenza – l’ultimo era stato segnato ad agosto –è un eccellente viatico per Zaniolo in vista del match di domani contro il Torino. Nella partita dell’Olimpico, lo Special One dovrebbe confermare, forzatamente, il 3-4-1-2 sperando di recuperare in extremis Cristante– che oggi potrebbe negativizzarsi – o Viña. Nicolò, comunque, è pronto a giocare ancora da attaccante puro. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa