Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Roma-Torino 1-0: Abraham regala a Mourinho tre punti d’oro

La Roma batte anche il Torino di Juric

RUI PATRICIO  6

Non particolarmente impegnato ma, quando serve, si fa trovare pronto.

MANCINI 7

Prestazione alla “Mancini”: ringhia sull’avversario, copre e difende. Gara da capitano.

SMALLING  7,5

Prestazione maiuscola: annulla Belotti e fa suo ogni duello aereo. Gigantesco.

IBANEZ 7

Non sbaglia nulla in fase difensiva e ha anche il merito di iniziare l’azione che porta al vantaggio giallorosso.

KARSDORP 7

Un moto perpetuo, giocate preziose e mai banale, sempre molto attento in copertura.

PELLEGRINI  SV

La sua partita dura un quarto d’ora: costretto ad alzare bandiera bianca per un infortunio muscolare.

DIAWARA  6,5

Rispolverato da Mourinho per questa gara, si scrolla di dosso un po’ di polvere e sfodera una prestazione molto attenta.

MKHITARYAN  7

L’armeno è tornato ai suoi livelli ed è un piacere vederlo toccare il pallone. Suo l’assist per Abraham.

EL SHAARAWY  6,5

Meno qualità rispetto alle sue ultime prestazioni ma tante corse e coperture. Si procura un rigore che il VAR poi annulla.

Zaniolo

ZANIOLO 7

Straripante, incontenibile e prezioso: ogni volta che tocca il pallone, l’Olimpico trattiene il respiro. Deliziosa la finta che manda in porta Abraham, sfiora il gol nella ripresa.

ABRAHAM  7

Ancora Tammy, come con l’Udinese. La partita finisce 1-0 grazie alla sua zampata: trasforma in gol l’occasione fotocopia che aveva sciupato con il Napoli. C’mon Tammy.

CARLES PEREZ  6,5

Lo spagnolo ha dato tutto, un lavoro incredibile senza palla. Bravo, bravo, bravo.

VINA SV

Entra nel finale di gara perchè ElSha non ne ha più.

KUMBULLA SV

Entra nei minuti di recupero.

MOURINHO  7

È la creatura che più si avvicina al dna di Mourinho: una squadra che lotta su ogni pallone, che si aiuta e corre per 90 minuti. Vittoria pesante e preziosa, lo sa e l’esultanza finale lo dimostra.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma