Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, cogli l’attimo

I giallorossi hanno l’occasione di prendere punti su Juve e Fiorentina

La domenica delle occasioni. All’Olimpico la Roma di Mourinho sfida il Torino in una giornata che può permettere ai giallorossi di staccare diverse rivali in un colpo solo e rimanere incollata all’Atalanta. Ieri sono cadute Juventus e Fiorentina, mentre la Lazio stasera è di scena a Napoli.

Intanto Zaniolo e compagni dovranno fare il loro dovere contro una squadra “che difende molto – avverte lo Special One – con un stile suo. Sono un bell’esempio di questo sistema di gioco difensivo, non concedono tanti gol e opportunità, avremo bisogno di una partita di grande qualità offensiva per riuscire a fare gol“.

All’Olimpico si va verso un altro sold out: 45mila i tagliandi staccati fino a ieri sera abbonati inclusi, ne restano in vendita solo duemila. “È un grande piacere – sottolinea il tecnico – i nostri tifosi ci hanno già visto perdere in casa e, a volte, giocare così così, ma hanno sempre una squadra che gioca per se stessa e per loro. E per questo erano presenti anche nella gara di Conference League, una competizione di cui è difficile innamorarsi all’inizio“.

Mourinho stasera schiererà ancora una volta una squadra votata all’attacco, con la coppia Abraham–Zaniolo, salvo sorprese, confermata davanti, El Shaarawy esterno a tutta fascia a sinistra, Mkhitaryan e Pellegrini impiegati da mezzali. Il capitano è pronto a stringere i denti e “alzarsi” da trequartista nel modulo che in fase di possesso diventa 3-4-1-2. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa