Resta in contatto

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Bologna-Roma 1-0: i giallorossi si perdono al Dall’Ara

La Roma perde con il Bologna di Mihajlovic

RUI PATRICIO  5,5

Un solo tiro pericoloso nello specchio della porta, sul quale può fare ben poco (prodezza di Svanberg).

MANCINI 5,5

Sottotono, non il solito Mancini, anche se la grinta non manca mai. Esce in leggero ritardo sul tiro di Svanberg.

SMALLING  6,5

L’inglese si conferma sul livello della prestazione offerta contro il Toro: una garanzia.

IBANEZ 6

Ordinato e concentrato, prova a disinnescare le azioni di contropiede del Bologna e a supportare l’azione offensiva.

KARSDORP 5

La prestazione è generosa come sempre, diversi cross molto interessanti per gli attaccanti partono dal suo piede destro. Ma il giallo finale è imperdonabile, leggerezza che non ti aspetti da lui.

VERETOUT  5

Torna dopo la squalifica ma non entra mai in partita.

DIAWARA  5

Con il Torino l’atteggiamento era stato giusto, stasera appare spaesato e senza idee.

MKHITARYAN  6

Prova a fare il suo, offrendo strappi e soluzioni. Ha delle occasioni da gol (una clamorosa) e si procura un rigore (poi revocato dal VAR, l’ennesimo).

EL SHAARAWY  6

Tanta corsa e attenzione tattica, poi la sua partita si ferma per un infortunio alla caviglia. Difficile immaginarlo in campo con l’Inter.

Zaniolo

ZANIOLO 5,5

Pairetto lo “massacra”, non fischiando tanti falli che subisce. Ma lui non ne azzecca uno.

ABRAHAM  5,5

Tre palle gol che purtroppo non riesce a trasformare in rete. Prede un giallo incredibile che gli farà saltare la sfida con l’Inter.

CARLES PEREZ  5,5

Lo spagnolo viene mandato in campo nella ripresa ma scompare poco dopo.

SHOMURODOV 5,5

Gioca in un ruolo non suo, non riesce ad incidere.

CRISTANTE 5,5

Ritorna dopo l’assenza forzata per il Covid. Prova a dare ordine ma non riesce.

VINA 6

Entra nel finale di gara e serve a Zaniolo la palla del pareggio.

MOURINHO  6

Va in campo la Roma che stava facendo bene e convincendo in questa nuova veste tattica. Mancano i suoi fedelissimi, che danno tutto ma in maniera confusionaria. Prova a raddrizzare la gara con i cambi, ma non hanno l’esito sperato.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma