Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 3 dicembre 2009: la Roma batte il Basilea e va avanti in Europa League (VIDEO)

La squadra di Ranieri vince 2-1 all’Olimpico e si qualifica con un turno di anticipo

Il 3 dicembre 2009 la Roma di Ranieri batte 2-1 il Basilea in rimonta all’Olimpico e si qualifica ai sedicesimi di finale della prima edizione in assoluto dell’Europa League. Con la vittoria la Roma sale a 10 punti dopo 5 gare.

I giallorossi cercano i tre punti che li qualificherebbero e Ranieri, nonostante manchino 3 giorni al derby con la Lazio, schiera il migliore undici disponibile. In campo va anche Daniele De Rossi con una maschera protettiva, visto l’infortunio allo zigomo che aveva subito. Partono però meglio gli ospiti che, subito, al 18′ trovano il vantaggio: Huggel di testa sfrutta un’indecisione della difesa giallorossa e segna la rete dello 0-1. Al 32′ arriva il pareggio di Totti su rigore.

Ci pensa poi Vucinic al 58′, sfruttando un assist magistrale di De Rossi, a completare la rimonta. Sugli scudi pure Julio Sergio: gli svizzeri si riversano in avanti e il portiere brasiliano è bravo a chiudere la saracinesca in più occasioni. La Roma vince e si qualifica per i sedicesimi di finale. L’ultima partita con il CSKA Sofia sarà ininfluente.

TABELLINO 

Roma-Basilea 2-1 (18′ Huggel, 32′ rig. Totti, 58′ Vucinic)

Roma: Julio Sergio; Cicinho (73′ Juan), Burdisso, Mexes, Riise; Perrotta, De Rossi, Pizarro, Menez (60′ Taddei); Vucinic (60′ J. Baptista), Totti
A disp.: Doni, Brighi, Cassetti, Okaka
All.: Ranieri

Basilea: Wessels, Inkoom, Abraham, Atan, Safari (80′ Shaqiri), Carlitos, Huggel,Gelabert, Stocker, Frei, Streller
A disp.: Colomba, Almerares, Cabral, Ferati, Zanni, Sahin
All.: Fink

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord