Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho contro la bestia nera Spezia

Gli ultimi incontri con la squadra ligure sono da dimenticare

La bestia nera e un vecchio amico. Mourinho stasera affronta lo Spezia che negli ultimi anni ha riservato figuracce alla Roma ed è costata la panchina a Garcia e Fonseca. Su quella ligure c’è Thiago Motta con il quale Mou vinse il Triplete. “Ma l’ho conosciuto quando giocava nelle giovanili del Barça che spesso allenavo nei primi anni. Molti miei ex giocatori sono diventati allenatori, li seguo tutti, sorride il portoghese in versione relax”.

Anche quando si parla di mercato: “Sin dall’inizio ho capito le difficoltà di quello estivo, se a gennaio sarà possibile fare qualcosa è quello che tutti noi vogliamo ma qualcosa non è un investimento pazzesco. Sarà un mercato per dare più equilibrio perché ovviamente per questa seconda parte di stagione è ancora più importante. Servono anche i giusti atteggiamenti, quelli non visti nel secondo tempo col Cska: Ho visto atteggiamenti naif. Qui la Primavera è un campionato di livello molto basso che non ti prepara per giocare in prima squadra. Non posso avere in panchina Vidal o Lautaro, questa è una realtà diversa e mi fa piacere lavorare con loro e farli crescere. Mi piacerebbe lottare per altri obiettivi, ma sono molto contento”. Tornando alla gara di stasera formazione quasi obbligata con l’unico dubbio davanti dove a contendersi il ruolo di spalla di Abraham sono Mayoral (favorito), Shomurodov e Felix. Lo scrive “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa