Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Smalling e Ibanez di testa: Spezia ko su due corner

La Roma di Mou riparte dalla vittoria contro la squadra ligure

Lo Spezia che negli anni passati aveva fatto arrossire sia Rudi Garcia che Paulo Fonseca, stavolta si sfarina davanti a José Mourinho, che riporta la Roma al 6° posto. Tutto ciò grazie a un 2-0 a trazione posteriore, visto che le reti – entrambe da azione d’angolo – sono arrivate da due difensori, Smalling e Ibanez.  In avvio Mourinho per il suo 3-5-2 sceglie Mayoral come partner d’attacco di Abraham. Per lo spagnolo, capocannoniere giallorosso della scorsa stagione è la prima volta da titolare in campionato quest’anno, e la decisione dell’allenatore portoghese pare giusta, anche se Borja non fa bene come a Sofia. Ma se la Roma a volte ha fatto fatica a sbloccarsi, stavolta la partita viene subito indirizzata verso i binari giusti dalla rete di Smalling, giunta alla prima occasione.

Basta che Veretout calci un angolo dalla destra perché Abraham colpisca di testa; la palla è diretta verso la porta ma Smalling – tenuto in gioco da Maggiore – spiazza tutti intervenendo con la zuccata decisiva. Nella ripresa lo Spezia decide di entrare in partita. Lo fa mettendo in campo Verde, Agudelo e Bastoni, disegnando un 4-3-2-1, che prendono il controllo della mediana. A far evaporare i timori giallorossi, però, è il raddoppio, giunto sempre su angolo battuto da Veretout. Passa dunque la Roma, che in casa almeno ha una dote finora: quando è in vantaggio, vince. La zona Champions s’insegue anche così. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa