Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Petrachi: “Sono un tifoso della Roma, vedo ogni partita. Fonseca andava aiutato”

L’ex DS della Roma Gianluca Petrachi ha rilasciato qualche dichiarazione a Calciomercato.it: le sue parole

Gianluca Petrachi, ex DS della Roma, ha parlato dei giallorossi a Calciomercato.it. Ecco le sue dichiarazioni:

Andresti a vedere la Roma in curva?
“Ci sono già venuto di nascosto. Non allo Stadio Olimpico, ma in trasferta ci sono andato”.

Alla Roma è davvero impossibile vincere?
“Ci vogliono una seria di fattori: un allenatore, un direttore sportivo, un presidente che si affida ai primi due e un ambiente che sostiene sempre la Roma e che non cerca pretesti per andarle contro. Per vincere serve la squadra, si può prendere anche il miglior allenatore, ma senza la squadra è difficile, non basta neanche il progetto e basta”.

Il suo futuro? Tornerebbe alla Roma?
“Sono ancora fermo per scelta, ho respinto 3 offerte, due da club stranieri per esigenze familiari e da uno italiano, il cui progetto non mi convinceva. Con il Genoa non c’è mai stato nulla Per il futuro vedremo, mi piace fare calcio e vorrei essere messo nelle condizioni di lavorare. Non importano blasone e categoria, faccio calcio con passione. Il Napoli? In quel periodo si è parlato di diverse situazioni ma ognuno è rimasto al proprio posto, non c’erano ruoli vacanti”.

Avrebbe voluto Gasperini alla Roma?
“E’ un allenatore che stimo, i Percassi l’hanno blindato a ragione, sta facendo cose straordinarie. Non dimentichiamoci che prima di lui l’Atalanta lottava per la salvezza, le cose ormai sono cambiate. Parlo volentieri della passata esperienza alla Roma, non mi rattrista”.

La causa con la Roma per il licenziamento?
“L’ho vinta, penso che ora la Roma ricorrerà in appello ma ormai è acqua passata”

Vuoi ancora bene ai tifosi della Roma?
“Io sono un tifoso della Roma, ci sono diventato e non mi perdo una partita. Ci sono ancora dentro con tutte le scarpe”.

Conte poteva accettare la Roma prima di Fonseca?
“Non vorrei entrare in questo argomento. Fonseca rimane un buon allenatore che doveva essere aiutato: la Roma divertiva giocando bene, nonostante si sia presa qualche imbarcata. La figura del DS di campo è fondamentale per qualsiasi allenatore”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News