Resta in contatto

Roma Primavera

De Rossi: “Contento della vittoria, ma dispiaciuto perché gli animi si sono inaspriti”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico della Primavera

Al termine della sfida tra Napoli e Roma il tecnico giallorosso Alberto De Rossi ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al match vinto dai capitolini.

Sono tre punti pesanti al termine di una partita molto complicata…

“Sono contento della vittoria, ma sono molto dispiaciuto perché alla fine gli animi si sono inaspriti. In trent’anni che lavoro nel settore, non c’è mai stata acredine contro il Napoli. Qualche parola di troppo ci ha mandato un po’ di traverso questo successo”.

Dal punto di vista tecnico, forse meglio il secondo tempo del primo…

“Sì, assolutamente. Ma nel primo tempo bisogna dare atto al Napoli di averci pressato: non ci ha fatto giocare, ci ha messo in grossa difficoltà, ripartiva velocemente. I nostri centrocampisti non riuscivano a giocare. Nel primo tempo ci hanno affrontato a viso aperto. Nella ripresa qualcosa è cambiato, ma è stata una partita durissima. Loro hanno fatto una grandissima gara”.

Vincere così è anche formativo, in certi versi?

“Assolutamente sì. Vincere questa partita per come si era messa, dal punto di vista sportivo è il massimo: è stata una giornata molto, molto positiva”.

La sensazione è che questa squadra riesca a interpretare ogni singola partita: quando può giocare, quando c’è da duellare, da battagliare…

“Sì, e oggi c’era da battagliare. Forse, qualche duello lo abbiamo perso nel primo tempo, ma ci sono anche gli avversari e noi un po’ siamo andati in difficoltà. Ma queste sono le partite che servono per formare i ragazzi, a differenza di quelle dal risultato scontato. Questo è diventato un campionato di Serie C, un campionato da adulti, ed è quello che vogliamo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera