Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

José sfata il tabù: “Visto? Battuta una big. E ora con i Friedkin posso stare sei anni”

Tutta la gioia dello Special One

Se ogni partita può essere un romanzo, quello scritto contro l’Atalanta dalla Roma ha tutta l’aria di essere: “I tre moschettieri”. In vetrina, infatti, vanno giustamente Tammy Abraham, Nicolò Zaniolo e Chris Smalling, ma tutti gli spadaccini hanno bisogno do un capo, e questo non può essere che uno solo: José Mourinho.

Un allenatore che è una scossa tellurica ogni volta che parla e stavolta, in questo senso, sembra essersi addirittura superato. Vicino a Bergamo c’era stato ieri mattina un terremoto? Guardate come lo Special Oneha utilizzato questa cosa a proprio vantaggio. “Scherzavo con i giocatori sulla scossa – che io non ho sentito – dicendo che stavolta il terremoto dovevamo essere noi“.

Detto, fatto. Quanto basta perché l’allenatore portoghese, pur ricordando la differenza di rosa che c’è fra la Roma e le altre grandi (ieri c’era l’ex Dzeko in tribuna), presentandosi in tv rivendichi orgogliosamente la fine del tabù contro le big: “Dovevamo arrivare qui e sorprendere tutti soprattutto quelli che ci ricordavano che erano da mesi che la Roma non vinceva una sfida contro una grande. Da ora, invece, non battiamo una big da 22 minuti e mezzo“.

In effetti, un successo del genere sembra essere soprattutto una iniezione di autostima per il gruppo. “Questa vittoria serve anche per cambiare mentalità. Ora in classifica possiamo guardare davanti, ma dobbiamo considerare anche la nostra panchina”.

Il feeling col club, comunque, resta forte. “Nella Roma resterei sei anni (come Gasperini, ndr). È un tipo di progetto che mi piace, ma serve qualcosa di più. Ora siamo limitati, se questo poco di più arriva, fra due-tre anni possiamo far bene. Con qualcosa di più possiamo arrivare dove sono arrivati loro: l’Atalanta è una squadra che sta nelle prime quattro.” Insomma, Mou non promette miracoli, ma si fida dei suoi moschettieri. A cominciare da Abraham, alla sua prima doppietta in A. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa