Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou, missione compiuta: poker di gol contro l’Atalanta

Che Roma al Gewiss Stadium

Un sisma con vibrazioni giallorosse ha scosso le fondamenta del Gewiss Stadium di Bergamo. E non facciamo riferimento al terremo percepito nella cittadina lombarda nella giornata di ieri, ma alla Roma di José Mourinho che vince, convince e annienta l’Atalanta di Gasperini.

I giallorossi vincono 1-4, rilanciando le proprie ambizioni in chiave europea. La Roma che non ti aspetti, che arriva alla sfida quasi da vittima sacrificale, si dimentica del drammatico score che l’aveva contraddistinta negli scontri diretti e sfodera una prestazione alla quale si fa fatica a rintracciare difetti e lacune.

Smaling lotta, annulla completamente Zapata e chiude la gara con un da centravanti di razza. Abraham, invece, vince a distanza il duello tra numeri 9 con il colombiano e mette a segno una doppiettaimportantissima ai fini del risultato, esplodendo di gioia sotto il settore ospiti giallorosso.

“La miglior Roma della stagione, i ragazzi hanno mostrato uno spirito fantastico. Sapevamo che non potevamo avere il controllo totale del match ma la squadra è stata veramente forte sotto tutti i punti di vista“ è stata l’analisi della gara di Mourinho che si è presentato praticamente senza voce nel post partita.

Torna a brillare anche la stella Zaniolo: il gol in campionato mancava da 516 giorno e arriva all’interno di una prestazione maiuscola. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa