Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ipotesi Tousart per il centrocampo, Freuler pista difficile

Il francese dell’Hertha Berlino è il nome nuovo per il centrocampo di Mou. A destra si complica la pista Dalot, che lo United non vuole più cedere

Cercasi esterno destro difensivo. Un giocatore che non costi troppo, meglio in prestito, caratteristica principale quella di poter essere un’alternativa a Karsdorp che corre il rischio di arrivare a fine stagione attaccato a una bombola d’ossigeno. Si era individuato in Diogo Dalot il profilo migliore, ma con l’arrivo di Rangnick il portoghese sta trovando più spazio e l’ipotesi di una cessione è ormai lontana.

Per quanto riguarda il ruolo di centrocampista centrale, nel mirino di Tiago Pinto è finito anche il francese Lucas Tousart. Ventiquattro anni, cartellino di proprietà dell’Hertha Berlino (lo ha pagato 21 milioni due anni fa dal Lione), contratto in scadenza nel giugno 2025, ma un momento attuale non splendido visto che ha perso la maglia da titolare nella squadra tedesca, sembra per dissidi interni. E allora il suo procuratore, Philippe Fiorentino, sta lavorando per trovargli una nuova sistemazione, pur nella consapevolezza che l’Hertha per prendere in considerazione una cessione del suo giocatore, ha bisogno di un’offerta di almeno dodici milioni. Subito o con un obbligo di riscatto nel prossimo mercato estivo. L’ultimo in ordine di apparizione è l’atalantino Remo Freuler, perché sarebbe in scadenza il prossimo 30 giugno. A noi il ds atalantino Sartori ha detto che lo svizzero ha rinnovato il contratto e che a gennaio non c’è nessuna intenzione di cederlo.  Lo scrive Il Romanista.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa