Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Passione giallorossa

L’Olimpico si riempie: record anche con la Samp

L’Olimpico si sta trasformando sempre più nella casa dei romanisti. Anche domani sera per l’ultima gara dell’anno contro la Sampdoria sugli spalti ci sarà il tutto esaurito: ieri sera erano 47800 i biglietti staccati, ma la vendita proseguirà fino a domani.

Una risposta importante da parte del pubblico, soprattutto per un match fissato alle 18.30 di un mercoledì pre natalizio. Se dovessero andare esauriti anche i circa 4000 tagliandi ancora a disposizione – il club che ha aperto anche il settore ospiti ai tifosi giallorossi – sarebbe il settimo sold out da inizio stagione, un numero che certifica l’entusiasmo che ha travolto la piazza dal giorno dell’annuncio di José Mourinho.

Da inizio stagione quando la Roma ha giocato in casa non si è mai andati sotto la soglia dei 35mila tifosi presenti allo stadio e, con la riapertura al 75%, il numero degli spettatori ha sempre superato i 40mila. Una media destinata a rimanere intatta anche durante l’anno nuovo, come testimoniano gli oltre 10mila “pacchetti” già venduti per le gare con Cagliari, Genoa e Verona.

Un’ondata d’amore alimentata dall’ottimo avvio di campionato e proseguita nei mesi successivi nonostante le difficoltà incontrate a metà del girone d’andata, che ha accompagnato la squadra anche lontano dall’Olimpico: i settori ospiti sold out a Bergamo e Torino o i 300 tifosi volati in Norvegia per assistere al disastro con il Bodo Glimt sono solo alcuni esempi. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa