Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

2021, l’anno senza sosta di Karsdorp

L’olandese non si è praticamente mai fermato, soprattutto in questa stagione

José Mourinho dice spesso che i dati di Rick Karsdorp sono “impressionanti”. Ed è chiaro che i suoi anni sbrilluccicano quando nei bilanci di fine ano legge che l’olandese è sceso in campo 55 volte nel 2021, ha rubato 100 palloni in questo campionato, ha consumato su e giù la fascia per 10 km di media a partita e ha corso meglio (per intensità e ritmo) di qualsiasi altro compagno. Nell’unico ruolo dove non esiste una vera alternativa, il portoghese ha trovato un colosso insostituibile, raccogliendo i frutti del lavoro di Fonseca e puntellando con abilità le caratteristiche del terzino.

I tifosi con memoria storica ricorderanno le 15 presenze nelle prime due annate a Roma, condizionate dalla rottura del legamento crociato e da vari problemi muscolari. Un ricordo destinato però a rimanere nel cassetto. Perché l’ex Feyenoord, dopo essere tornato in patria per un prestito, oggi ha davvero l’argento vivo addosso (a Schoonhovem, località dov’è nato, ne producono in quantità) e si posiziona ufficialmente al primo posto tra i romanisti più presenti nell’anno solare. Rick ha gli stessi gettoni di Cristante; il quale, contando pure la Nazionale ha chiuso il 2021 con 68 partite sulle gambe. Un’enormità. E Bryan si è pure fermato per il Covid. Ma con la lupa sul petto il biondo ha saputo fare meglio: 4390 minuti sul prato verde contro i 4037 dell’ex Atalanta. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa