Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, lavori a centrocampo: ora Kamara vola in pole

La trattativa con il Marsiglia potrebbe essere agevolata dai buoni rapporti con i club e dai riscatti di Pau e Under. Ma attenzione anche alle uscite

Manca come l’aria, anche se poi con il 3-5-2 la Roma in quel ruolo si è ritrovata di colpo più lunga di quanto lo fosse nei primi 4 mesi di questa stagione. Ma il centrocampista che Mourinho aspetta con ansia dalla scorsa estate è il prossimo passo di Tiago Pinto, in attesa nel frattempo di chiudere la trattativa per Ainsley Maitland-Niles, l’esterno dell’Arsenal.

E l’idea che sta prendendo sempre più piede nel borsino giallorosso è quella che porta a Marsiglia – e più esattamente a Boubacar Kamara, 22 anni, nato difensore e diventato centrocampista – considerando anche gli ottimi rapporti tra i due club. Ed anche il fatto che il giocatore sia in scadenza di contratto tra sei mesi (esattamente come Grillitsch dell’Hoffenheim, l’altro obiettivo in pole per i giallorossi), fattispecie che a Trigoria oggi sembra quasi una priorità. Kamara ha un costo alto, circa 20 milioni di euro, considerando la qualità e il suo utilizzo in una squadra che è seconda in classifica nella Ligue 1, dietro solo quella corazzata che si chiama Psg. Insomma, è un giocatore importante della squadra di Sampaoli, come dimostrano le 20 presenze stagionali, quasi tutte da titolare.

Quel contratto in scadenza, però, e il fatto che il giocatore abbia già fatto sapere di non volerlo rinnovare fa sì che il Marsiglia stia pensando seriamente ad una sua cessione. Alla Roma il giocatore piace e molto, il problema di Tiago Pinto è però la liquidità. Insomma, il budget di mercato il g.m. lo ha speso quasi tutto in estate e oggi si trova a dover andare a fare operazioni low cost. Di conseguenza, per arrivare a Kamara ci sono due strade: o incassare dei soldi dalle eventuali cessioni di Villar e Diawara (riversandoli poi sul giovane francese) o incrociare il suo destino a quello di Pau Lopez e Under. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa