Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, doppio colpo: sprint Kamara e Maitland-Niles per un ritorno da Special One

A Mourinho servono un centrocampista, almeno, e un terzino: Roma pronta al doppio colpo invernale

Sul mercato la vera difficoltà per Pinto c’è stata e c’è nelle cessioni. Perché i vari Santon, Fazio, Reynolds e Diawara non hanno file di estimatori, anche se per il terzino americano si stanno muovendo Bruges e Anderlecht. Il centrocampista però serve, e se lo scambio alla pari Villar e Vecino non convince i giallorossi per ora, si sono riallacciati i rapporti col Marsiglia, che in estate trasformerà il prestito di Under e Pau Lopez in acquisti.

Morale: i francesi sborseranno 20,5 milioni, ma una (piccola) parte potrebbe essere abbonata se Kamara – in scadenza di contratto a giugno – si trasferisse subito a Trigoria. L’alternativa è sempre Grillitsch dell’Hoffenheim, anche lui in scadenza a giugno, mentre Ndombelé del Tottenham, che ha avuto rapporti non facili con Mou, non gradirebbe ritrovarlo.  

Intanto si prova a chiudere per Maitland-Niles dell’Arsenal. Gli inglesi sono disponibili al prestito con diritto di riscatto, ma per far scattare l’obbligo vogliono poche presenze e una cifra finale di 15 milioni, mentre la Roma vorrebbe il contrario per le presenze e una somma non superiore ai 10 milioni per averlo. Insomma, è un lavoro ai fianchi, sapendo per giunta – Xhaka insegna – che l’Arsenal è un osso duro. Nel domino giallorosso, poi, Maitland–Niles consentirebbe la cessione in prestito di Calafiori al Cagliari, in attesa del ritorno di Spinazzola. E chissà che non sia proprio lui, il vero “colpo” invernale. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa