Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma-Juve, restano 1.300 biglietti

Dopo il caos biglietti dovuto alla riduzione della capienza, sono in vendita gli ultimi tagliandi per il big match di domenica

C’è ancora tanta voglia di stadio e di Roma, nonostante i timori diffusi per il crescente aumento dei contagi e le limitazioni che continuano a minacciare il mondo del calcio. Per la gara contro la Juventus, in programma domenica alle ore 18:30, il club giallorosso aveva venduto 20 mila biglietti, che sommati ai 21.700 abbonati portava il totale a circa 42 mila. Con il passare dei giorni si sarebbe raggiunto il tutto esaurito, ma la riduzione della capienza degli impianti ha costretto la società a rivedere i piani per tornare a quota 32.000, il massimo consentito con le nuove disposizioni.

I biglietti in eccedenza sono stati cancellati dai settori che si erano riempiti maggiormente. Fino a ieri circa 4.400 abbonati hanno potuto scegliere se traslocare gratuitamente in Nord e Distinti Nord o spendere 20-30 euro per spostarsi in Tevere o Montemario. I 20 tagliandi venduti sono stati già annullati e rimborsati, di questi poi 7 mila sono stati rimessi in vendita, dando la precedenza a chi l’aveva già comprato. Al sold out manca davvero poco, cioè 1.300 ticket. Da domani alle 15:30 partirà l’eventuale vendita libera. Mentre 11 club su 20 in Serie A faticano a riempire anche solo metà stadio, i Friedkin hanno il problema inverso. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa