Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

All’Olimpico solo in 5 mila: per gli abbonati della Roma ipotesi rimborso partite

Roma e Lazio al lavoro per i tagliandi venduti nelle gare con capienza ridotta

Il tifo torna in smart working. Spinta dal premier Draghi e dal picco dei contagi, la Serie A ieri ha cambiato le carte in tavola. Dal 15 gennaio fino al 5 di febbraio, data di ritorno in campo dopo la sosta per le nazionali, in tutte le competizioni si giocherà quasi a porte chiude: solo 5.000 persone potranno entrare sugli spalti.

Mourinho non avrà l’Olimpico pieno contro il Cagliari, il Lecce (iil 20 gennaio in Coppa Italia) e vedrà vuoto il settore ospiti di Empoli. “E io che ho la tessera, che faccio?”, si interrogano i 21.700 abbonati della Roma. Però a Formello, così come a Trigoria, dovranno al più presto rispondere a un’altra domanda ricorrente: come fanno i club a scegliere le 5 mila persone che possono entrare?

Le due società – in tempi così stretti – non hanno definito una strategia precisa. Anche perché non hanno ancora ricevuta linee guida ufficiali: i 5 mila presenti, in quali settori vengono posizionati? Nubi da chiarire.

I dirigenti comunque sono già al lavoro. Soprattutto quelli della Roma, che per media spettatori è prima in classifica: 48.527 tifosi, mille in più del Milan. Possibile che i giallorossi possano concedere la prelazione agli abbonati ma sarebbe una serrata corsa al posto. Altra ipotesi, molto plausibile: rimborsare la singola partita. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa