Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho alla prova di forza

Lo Special One vuole battere la Juve e rilanciarsi in zona Europa

José Mourinho ci prova, così come ha fatto a Milano. Sperando in un risultato diverso, ovvio. Roma–Juve, del resto, è l’ultimo bivio per un posto in Champions. Più per lui che non per Allegri. Se da una parte, lo Special accoglie il nuovo acquisto, Maitland–Niles, e respira un po’, dall’altra deve fare i conti con le assenze e le criticità varie da Covid, ogni giorno ne spunta una: dalle squalifiche di Mancini e Karsdorp ai problemi dell’ultima ora che hanno colpito Zaniolo, che non sta bene e ieri non si è allenato.

Oggi non gioca e per lui saltare la Juve è un problema. Sente molto la sfida ai bianconeri, contro di loro, nel 2019, all’Olimpico è cominciato il calvario con la prima rottura del legamento crociato.

Di sicuro, José si aspettava di sfidare il suo nemico Max in tutt’altre condizioni. Ma è preparato: squalifiche e defezioni in tempo di Covid sono normali e vanno accettate (almeno Mayoral si è negativizzato e andrà in panchina). Allegri spera di recuperare Dybala (non ha Bonucci, ma Chiellini) e ha pronto Kean, Mourinhopunta forte su Abraham, che all’andata è stato a suo modo protagonista, con quel gol (valido) annullato da Orsato per concedere un rigore, poi sbagliato da Veretout.

Tammy al fianco avrà uno tra Shomurodov e Felix. L’altro dubbio è in mezzo, tra Micki e Veretout: con Maitlannd-Niles, lo Special può optare anche per la difesa a quattro. Non fare punti con la Juve significherebbe salutare ogni speranza per il quarto posto, questa è la realtà. Il progetto Roma-Mou andrebbe comunque avanti, senza drammi, però con un grosso intoppo e senza i soldi della Champions. Lo stesso, più o meno vale per la Juve, resuscitata, almeno in parte, proprio dopo la gara di andata contro la Roma. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa