Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Manicomio Roma

Pomeriggio surreale all’Olimpico

Difficile raccontare quanto accaduto ieri all’Olimpico nella sua ultima versione con pubblico prima della nuova stretta governativa che lascerà entrare solo cinquemila persone. Perché cose di questo tipo solo la Roma riesce a farle accadere in un pomeriggio da manicomio con i tifosi giallorossi che lasciano lo stadio sbattendo la testa al muro letteralmente impazziti.

Altro che tecnico, Luis Enrique, Garcia, Mourinho, qui serve un esorcista o forse lo sciamano di Trump. Contro la Juventus la Roma domina per oltre un’ora, portandosi su un 3-1 che irradiava sicurezza: Mou faceva le spalle larghe e già molti giallorossi se la godevano sul web.Poi insette minuti incassa tre gol e sul 3-4 a dieci dalla fine riesce pure a sbagliare in rigore: ed è tutto vero. Inutili i sedici minuti finali con un uomo in più. Eppure i segnali sembravano positivi, il riscatto dopo la figuraccia rimediata a San Siro tre giorni prima contro mezzo Milan sembrava esser arrivato puntuale.

Vantaggio di Abraham, raddoppio di Miki con una deviazione fortunata che pareva aver fatto girare anche la sfiga, prima della perla targata Pellegrini: punizione da campione vero diretta sotto al sette. Poi Locatelli, Kulusevski e De Sciglio, in soli sette minuti, ribaltano il pomeriggio giallorosso rispedendo Mourinhoall’inferno. E stavolta il tecnico giallorosso non si può nemmeno aggrappare all’arbitro e fare solo mea culpa cercando di capire da dove provenga quel blackout che manda in corto i suoi sul più bello. La classifica? Resta inguardabile, sempre peggio. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa