Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il mercato di Mou con Oliveira

In arrivo il secondo colpo del mercato

Un mercato nel segno di José Mourinho. Prosegue la rivoluzione voluta dal portoghese – e avallata dai Friedkin – che tra poche ore accoglierà a Trigoria il secondo colpo messo a segno da Tiago Pinto: nella serata di ieri il general manager ha trovato l’accordo con il Porto per Sergio Oliveira.

Il pupillo dello Special One sbarcherà a Ciampino oggi alle 11.25 con un volo privato: svolgerà le visite mediche a Villa Stuart prima di raggiungere il FulvioBernardini. Il centrocampista arriva in prestito oneroso con diritto di riscatto, per un’operazione complessiva da quasi 15 milioni (1 milione per il prestito più 13.5 per l’acquisto a titolo definitivo) che il club del presidente Pinto da Costa dovrebbe incassare a giugno: difficilmente infatti la Roma non riscatterà il ventinovenne voluto fortemente da Mou.

A legare allenatore e giocatore, oltre ad una forte stima reciproca, c’è anche il super agente Jorge Mendes – assiste entrambi – che in estate si è rivelato decisivo per il trasferimento nella Capitale di Rui Patricio, altro fedelissimo di Mourinho che lo ha indicato come unica scelta per difendere i pali giallorossi.

Anche nella trattativa Oliveira il lavoro di Mendes ha messo in discesa l’operazione, nonostante le resistenze del Porto a lasciar partire il calciatore senza inserire l’obbligo di riscatto sul contratto. Un rinforzo importante che si aggiunge a Maitland–Niles, arrivato sabato scorso e sceso subito in campo contro la Juventus. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa