Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou, ora è la tua Roma

Lo Special One si gode la nascita della nuova Roma

José Mourinho vede la luce in fondo alla fine di un tunnel di risultati negativi che inchiodano la Roma a una mediocrità che non gli appartiene. I numeri sono impietosi, lo Special One come media punti in campionato è il nono allenatore giallorosso da Capello in poi, senza contare le 9 sconfitte in 21 partite, un dato che la Roma non registrava dal 1978-79. Ci sono voluti gli arrivi di Maitland-Niles e Sergio Oliveira per restituirgli l’abbozzo di un sorriso.

I nuovi arrivi, insieme a Rui Patricio e Tammy Abraham, possono essere i pretoriani che servono per lanciare la rimonta. Il futuro comincia oggi contro il Cagliari. “Abbiamo fatto un punto nelle ultime 3 partite, ma dimentichiamole. Non avrei mai pensato che avremmo preso Oliveira, non pensavo che sarebbe stato possibile questo colpo. Non è un regista, ma è un centrocampista centrale che sa fare tutto e può migliorare tanto la squadra dal punto di vista dell’organizzazione. Il segreto è che ha esperienza e viene da un club che ha una mentalità che conosco bene. Ho pensato subito che poteva essere il giocatore giusto per noi, visto che è multifunzionale e sa tirare da fuori. Migliorerà la rosa. Questa finestra di mercato è stata positiva, abbiamo preso subito due giocatori e questo è stato merito di Tiago Pinto” ha detto il tecnico in conferenza stampa.

“Se pensiamo che sono andati via Calafiori, Mayoral e Villar, che hanno giocato pochissimo, e sono arrivati due come Maitland-Niles e Oliveira, è un miglioramento. Abbiamo fatto un grande sforzo per quelle che sono le nostre possibilità. Oggi il mercato è complicato anche per chi ha tanti soldi da spendere, figuriamoci per noi. Non mi aspetto nuovi giocatori, abbiamo fatto quello che era possibile e sono contento di come sono andate le cose” ha aggiunto Mourinho. Se oltre a Reynolds uscisse anche Diawara (e magari Fazio e Santon), a quel punto potrebbe partire l’assalto a Kamara del Marsiglia, svincolato a giugno. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa