Resta in contatto

Rassegna Stampa

Fazio, no alla Salernitana. E fa causa alla Roma

Fazio

In questi ultimi giorni ci aveva fatto un pensierino anche la Salernitana, seppur i campani non si sono mai spinti fino un’offerta ufficiale alla Roma

In questi ultimi giorni ci aveva fatto un pensierino anche la Salernitana, seppur i campani non si sono mai spinti fino un’offerta ufficiale alla Roma. A pensare a lui era stato Walter Sabatini, il nuovo d.s. granata, che Federico Fazio lo ha portato nella Capitale dal Siviglia nel 2016.

Il difensore, comunque, aveva già fatto pervenire al suo vecchio d.s. un dolce “no, grazie“. Secco. E diretto. Uno dei tanti dinieghi che l’argentino ha detto da luglio ad oggi. Niente, per la Roma sembra proprio non ci sia la possibilità di liberarsene, Fazio è destinato ad andare a scadenza a giugno. Senza giocare, come fa dall’estate, ma solo allenandosiaparte con Santon, l’altro esubero rimasto a Trigoria (c’è pure Riccardi, che però gioca con la Primavera).

Fazio in estate aveva rifiutato CagliariParmaAlavesCadice e Genoa. Qualche altra squadra si era interessata (Villarreal), scappando però quando ha saputo l’ingaggio (circa 2,4 milioni). E Fazio ha deciso di fare causa alla Roma, quando il club la scorsa estate ha scelto di farlo allenare  a parte, col gruppo dei possibili partenti. Solo che lui di partire non ne ha voglia. La Roma spera che da qui alla fine di gennaio ci possa essere una soluzione diversa, anche per risparmiare un paio di milioni lordi di ingaggio.

La Gazzetta dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa