Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Diawara, Galatasaray o Fulham: la cessione dà il via libera a Xhaka

La cessione del centrocampista apre le porte ad un terzo colpo

Ruota tutto intorno a Diawara. Le possibilità da parte di Tiago Pinto di regalare un altro centrocampista a Mourinho dipendono infatti dal futuro dell’ex calciatore del Napoli, che ieri per la prima volta ha aperto alla cessione.

Ipotesi, questa, che Diawara aveva sempre respinto al mittente rifiutando tutte le destinazioni. Nell’incontro che c’è stato con il suo agente, la dirigenza giallorossa ha ribadito che nel progetto tecnico che sta costruendo Mourinho per lui non c’è spazio: le pochissime presenze in questa stagione ne sono la testimonianza.

Diawara in Italia piace a parecchie squadre, ma il suo stipendio da 2.2 milioni più bonus ha spaventato tutte le pretendenti, tra cui Torino, Cagliari, Venezia e Sampdoria. Più facile trovare una sistemazione all’estero: non più al Valencia, ma al Fulham, che potrebbe permettersi il suo ingaggio così come il Galatasaray, che già lo aveva cercato in estate e si è rifatto sotto.La Roma lo farebbe partire in prestito, ma vuole un obbligo di riscatto fissato a 9 milioni.

Il nome di Xhaka è tornato prepotentemente di moda: lo Special One lo voleva la scorsa estate, c’è stata una lunga trattativa che non si è concretizzata perché la Roma ha dovuto dirottare altrove le proprie risorse e che ora potrebbe decollare di nuovo perché lo svizzero all’Arsenal è mal sopportato.

Nelle ultime ore è stato offerto (non solo alla Roma ma anche ad altre squadre) anche il portoghese Danilo Pereira, spinto fuori dal Psg dal possibile arrivo di Ndombele, altro centrocampista accostato alla Roma. Rimane in corsa Kamara del Marsiglia, su cui però è in vantaggio il Manchester United. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa