Resta in contatto

News

Giannini: “Mou deve stare in guardia, Caprari pericolosissimo. Giallorossi discontinui”

Parla “Il principe” Giuseppe Giannini, ex capitano giallorosso: “Sabato gara da tripla. Caprari pericolosissimo”

Giuseppe Giannini, storica bandiera giallorossa, ha rilasciato un’intervista a L’Arena parlando dell’imminente sfida Roma-Verona di sabato all’Olimpico. Ecco le sue parole sui giallorossi e sul match:

“Mourinho deve stare in guardia, Caprari è molto pericoloso. Gianluca venne alla scuola calcio che avevo con Pruzzo e Chierico. Dall’Atletico 2000 finì alla Roma, talento vero. Vedemmo che aveva la stoffa, così decidemmo di segnalarlo ai giallorossi. Sabato è una gara da tripla col Verona”.

La Roma?

“La Roma… Diciamo che tutti si aspettavano qualcosa in più. Sei punti nelle ultime due, o almeno 4. Invece sono arrivati soltanto pareggi. Francamente, non so proprio cosa dire. I giallorossi sono una squadra molto altalenante. Difficile fare un pronostico per sabato. Se ci fosse ancora la vecchia schedina mi giocherei il jolly della classica tripla, perchè il Verona sta veramente molto bene”.

Cosa pensa di Josè Mourinho?

“Mourinho è un grande allenatore ma, per la prima volta nella sua carriera, deve fronteggiare una stagione ed un campionato anonimi. In una piazza, peraltro, che molto spesso è invadente. La Roma non è sciolta, ma è una squadra che sovente sembra preoccupata. Comunque sì…dallo Special One mi aspettavo qualcosa di più. Diciamo che ancora non vedo la sua impronta sulla squadra.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News