Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Marusic: “Il gol all’inizio ha cambiato tutto. Non ho visto una grande partita della Roma”

Il calciatore biancoceleste Marusic: “Non ho visto una grande partita della Roma”

Queste le dichiarazioni di Marusic, calciatore biancoceleste, ai microfoni di Dazn dopo la pesante sconfitta nel derby:

Si davvero mi dispiace per questo risultato. Stasera penso che abbiamo giocato loro hanno fatto gol dopo un minuto e tutto è cambiato dal punto di vista mentale, loro sono entrati con più cattiveria in campo. Quando perdi tre a zero il primo tempo poi è difficile tornare”.

Su Milinkovic.
Ha preso una gomitata penso che abbia il naso rotto, l’arbitro ha detto che era contatto ma non ha fischiato niente

Sull’approccio.
“Abbiamo parlato troppo questa settimana. Sappiamo che loro devono entrare con cattiveria motivazione ma noi dovevamo rispondere allo stesso. Non lo abbiamo fatto e abbiamo pagato con sconfitta pesante, chiedo scusa ai tifosi. Ora dobbiamo lavorare e dare tutto. Tifosi? Noi lo sappiamo quanto conta per loro questa partita, chiedo scusa a nome di tutti noi. Dobbiamo andare avanti e lavorare. Io penso che la Roma non ha fatto una grande partita, noi abbiamo provato nel secondo tempo a tornare ma quando prendi due gol così velocemente è difficile tornare in partita. Obiettivo quinto posto? Ci sono otto partite, dobbiamo dare tutto e poi alla fine vediamo dove siamo”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario