Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mancini non molla da perdente: si riparte da Verratti e dalla potenza di Zaniolo

Inizia il nuovo corso di Roberto Mancini

Oggi la Nazionale vola in Turchia per la partita più triste della nostra storia calcistica. Mentre domani tanti si contenderanno gli ultimi biglietti per il Mondiale del Qatar, noi giocheremo in amichevole contro un’altra trombata.

Dovevamo essere a Oporto davanti a Cristiano Ronaldo, invece affronteremo Burak Yilmaz a Konya, città toccata a suo tempo dalla predicazione di San Paolo. Amen. Sulla torre con il Portogallo salirà la Macedonia. Roberto Mancini, che nel 2013-14 allenò il Galatasaray, sarà costretto a ricordare il gol di Sneijder, sponda di Drogba, che eliminò la Juve di Conte dalla Champions, su un campo fangoso arato ad arte dai bizantini: diagonale da destra che finisce nell’angolino oltre Buffon disteso in tuffo.Troppo simile al rasoterra di Trajkovski per non far male.

Potrebbe Mancini lasciare la Nazionale ora? Dopo la traumatica eliminazione dal Mondiale, dopo una sconfitta casalinga con la Macedonia, mentre gli inglesi, che in estate si sono abbronzati a suon di schiaffi, ci spediscono sfottò a ripetizione.

Il c.t., con i suoi ragazzi, ha scritto una favola inattesa. Non può chiuderla con un finale del genere, anche perché sa che nel disastro ci ha messo del suo. Mancini deve dare un senso alla partita più inutile del mondo, quella di domani. Mancini non è rimasto solo per orgoglio, ma anche per la convinzione che il gruppo europeo, ritoccato negli uomini e nel gioco, possa crescere ancora. «Rifondare» è parola sbagliata, perché lo spirito resta lo stesso: calcio dominante e offensivo. Molto meglio: “Sviluppare”

Il calo di Jorginho e l’involuzione di Insigne impongono un ritocco al modulo del doppio-play che è stata la nostra fortuna, ma è diventato prevedibile. Sfruttiamo la ricca batteria di interni: Barella, Tonali, Locatelli, Pellegrini, Pessina… Nel 4-3-3 del Psg, Verratti viene affiancato da tipi tosti: Paredes, Gueye, Danilo…

La nuova Italia potrebbe avere meno palleggio, ma più peso, più dinamismo e più verticalità. Qualità importante, perché la nostra forza sono gli esterni offensivi: Berardi, Chiesa, Zaniolo, Spinazzola… Prima ricevono palla in spazi aperti, più possono fare male. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa