Resta in contatto

Rassegna Stampa

Oliveira si è preso la Roma: nel derby la svolta decisiva

La Roma sta finalmente scoprendo il vero Sergio Oliveira. Perché la partita contro la Lazio ha di fatto mostrato gran parte delle qualità del centrocampista portoghese

La Roma sta finalmente scoprendo il vero Sergio Oliveira. Perché la partita contro la Lazio ha di fatto mostrato gran parte delle qualità del centrocampista portoghese, arrivato in fretta e furia nella finestra di mercato invernale e buttato nella mischia per necessità senza però entrare del tutto nel gioco della Roma.

Ha avuto qualche comprensibile difficoltà iniziale, ma adesso sta man mano dimostrando le sue abilità, rispondendo ai dubbi che inizialmente erano sorti sul suo acquisto. Sergio Oliveira fino a qualche settimana fa ha alternato prestazioni positive a momenti di smarrimento che hanno più volte spinto Mourinho a sostituirlo nel secondo tempo. Marzo per lui è stato un mese piuttosto altalenante. Soltanto sei minuti giocati contro l’Atalanta, il gol importante nella sfida d’andata contro il Vitesse e i 45 minuti anonimi contro l’Udinese.

Poi è arrivata la maglia da titolare inaspettata nel derby. La partita della svolta. Una stracittadina giocata con grande personalità, ma non solo: senso tattico, interventi preziosi, recuperi che hanno salvato più volte la difesa giallorossa. La mossa di Mourinho per rinforzare il centrocampo è stata la mossa vincente. Il portoghese ha stupito tutti, garantendo equilibrio e copertura difensiva insieme a Cristante. In più la ciliegina sulla torta, la punizione guadagnata per il 3-0 di Pellegrini.

Il Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa